TID - The Network for Design Lovers
Italiano Inglese Russo
DS HOUSE: oltre la simmetria
share:
Like Like

Che la pulizia degli spazi e la luce naturale siano alcune delle caratteristiche più ricorrenti dell'interior design contemporaneo lo dimostra, ancora una volta, il progetto che vi presentiamo oggi, firmato dallo studio di architettura belga Dwek Architectes, fondato da Olivier Dwek. La DS House, a Bruxelles, è un progetto che pone l'accento su una chiave principale, la simmetria, intorno a cui ruota gran parte dell'organizzazione spaziale. La sua interpretazione si riallaccia però a una concezione molto antica, quella di Vitruvio, secondo cui la simmetria non era solo l'interazione tra parti simili di un insieme ma anche il rapporto tra le sue differenze. Assente, insomma, la definizione di simmetria bilaterale, quella che invece abbiamo sempre ritrovato nell'architettura antica e moderna, dalle piramidi fino agli edifici più contemporanei.

Il progetto di DS House punta allora a spezzare questa prevedibilità di proporzioni, partendo da una facciata imponente che si compone non solo di elementi dalla funzione architettonica ma anche di entità autonome dal valore quasi scultoreo, enfatizzato dai giochi di luce che donano al materiale principale, la pietra, una serie di sfumature naturali che vanno dal grigio al beige. L'inaspettato, l'originale, prosegue all'ingresso dove l'entrata, più che un punto di inizio, sembra un punto di passaggio, destinato a qualche rituale ancestrale; l'atmosfera, enfatizzata dallo specchio d'acqua alla giapponese, sembra sospesa nel tempo e proietta il visitatore contro il portone in ottone ossidato che svela alle sue spalle il centro nevralgico della casa, a tutta luce. Ecco infatti che l'illuminazione naturale prende il sopravvento attraverso le trasparenze delle enormi porte a vetri che si aprono verso il giardino, in un gioco sapiente di materiali, riflessi e consistenze che trova la sua sublimazione dentro la piscina. Un'esperienza quasi surreale, che parte dalla simmetria per divenire un unico viaggio sensoriale.

PHOTO COURTESY: ©Serge Anton

INFO: olivierdwek.com


Articolo di

Scroll to Top