TID - The Network for Design Lovers
Italiano Inglese Russo
Spazi e trasformismo a New York
share:
Like Like

Quando le metrature sono ridotte si sa, sfruttare lo spazio diventa fondamentale e ci sono riusciti a New York in un monolocale completamente ristrutturato dallo studio Garneau. L’obiettivo era quello di avere uno spazio funzionale, ma con stile rendendo ogni angolo flessibile e utile per tutti i rituali quotidiani delle persone che ci vivono. Così un monolocale è diventato un mini loft e ogni angolo si è trasformato in un’idea di design tutta da copiare. Tutta la casa gioca su scorrimenti, piegature e rotazione di mobili che si rivelano o si nascondono a seconda dell’esigenza del momento e fanno del nascondino il punto chiave del progetto. Il letto in noce, per esempio, appare e scompare nella parete rivelando delle nicchie contenitori, il divano rivela dei maxi cassetti porta tutto, una parete scorrevole separa all’occorrenza la zona giorno da quella notte e il bagno in mosaico blu nasconde armadi e cassetti dove riporre il guardaroba.

“Una casa alla Pozzetto”, per chi ricorda il film Il Ragazzo di Campagna, ma con tutto lo charme del loft e con dettagli che rendono l’ambiente personale e in evoluzione con le esigenze di chi ci abita. I colori naturalmente sono quelli naturali del legno per pavimento, arredi e dettagli e il bianco ottico per pareti e soffitti al fine di sfruttare l’illusione ottica di ampliamento dello spazio. L’ambiente è compatto, ma non claustrofobico, luminoso e studiato nel dettaglio con l ‘utilizzo di materiali di pregio e sistemi ecologici come i meccanismi per ridurre il consumo di acqua e energia e un design adatto a migliorare acustica e qualità dell’aria. Ecco dimostrato, ancora una volta, che anche quando lo spazio è poco gli stratagemmi per sfruttare ogni millimetro con gusto sono a portata di architetto.    

INFO: www.studiogarneau.com  

Photo Courtesy: Studio Garneau


Articolo di

Scroll to Top