TID - The Network for Design Lovers
Italiano Inglese Russo
Silicon Hills una sedia surreale
share:
Like Like

Un'estate di qualche anno fa, in una di quelle giornate piovose che capitano alla fine di agosto e che sistematicamente ti fanno canticchiare "l'estate sta finendo e un anno se ne va", mi sono ritrovata intrappolata in una gita organizzata. La meta era il museo archeologico "La Civitella" di Chieti: beh che sorpresa scoprire qualche anno dopo che l'artista che si era occupato dell'allestimento della caffetteria era lo stesso che aveva pensato, disegnato e creato, nel vero senso del termine la sedia che avevo proposto ad un cliente.

L'artista in questione si chiama Rude Bravo, al secolo Franco Perrotti, è del 53 e di origini abruzzesi.

Con una sintassi da enciclopedia, vi dico che dopo aver abbandonato la facoltà di architettura di Pescara, si trasferisce a Milano, dove frequenta la Scuola Politecnica di Design. Lavora per nove anni presso il Centro Progetti Tecno a Milano, progettando ristrutturazioni e allestimenti di showroom e manifestazioni, collabora con numerose aziende disegnando prodotti per l'ufficio, la casa, le comunità, finché nel 1997 si ritrasferisce in Abruzzo e fonda "Rude Bravo Design Workshop", laboratorio di idee, progetti, prodotti e manufatti: la sedia di cui sto per parlare viene da lì.

Silicon Hills part 1 - già il nome è tutto un programma - è una sedia che riprende le forme femminili, senza, diciamo, lasciare nulla all'immaginazione: la seduta non è altro che il sedere di una donna, mentre l’esterno della spalliera è formato da due seni. 

Il materiale ha una notevole importanza, sì perché Rude Bravo studia, lavora, plasma la materia dandole un'anima; l'oggetto quindi non deve solo assolvere la sua funzione, che può essere in questo caso far sedere, ma deve stupire, incuriosire, creare un'emozione in chi ne usufruisce, come se avesse un'anima.

Da qui lo studio, gli esperimenti, talvolta le "forzature" sul materiale: in questo caso il corpo è in resina poliuretanica mentre la struttura è in metallo cromato o patinato color ruggine.

Le finiture sono varie, si passa dal decoro tigre argento, al decoro leopardato, zebra o dalmata (quello che preferisco!).

La Silicon è un pezzo storico; infatti è stata creata nel 1996 e inserita a catalogo nel 1997, seguita a ruota dalla Silicon Part 2 (1999).

Fa la sua apparizione al Fuorisalone del mobile di Milano del 2007 e verrà poi "stretchata" trasformando Silicon Hills part 1 in Silicon Hills part 2, una chaise longue che riprende sempre le forme della donna: il corpo è sempre in resina poliuretanica, la struttura in ferro grezzo, verniciato trasparente, ma c'è una chicca in più…i seni tornano nella loro posizione naturale sul davanti e diventano poggiatesta rivestiti da un corsetto in pelle, tagliato e cucito a mano…che dite non fa molto burlesque!?! 


INFO: www.rudebravo.com

PHOTO COURTESY: Rude Bravo


Articolo di

Scroll to Top